Se vuoi, puoi contribuire al mantenimento e allo sviluppo delle opere di carità e di evangelizzazione dei Figli dell’Immacolata Concezione in Italia e nel mondo, donando un tuo contributo tramite l’Associazione “Amici di Padre Monti” ONLUS, in uno dei seguenti modi:

Bonifico Bancario:

Ubi banca Filiale Roma Trastevere
con il seguente codice
IBAN: IT 70 H0 3111 0321 000000000 3320

Con bollettino di Conto Corrente Postale :
N° 26616037 

 intestato all’Associazione Amici di Padre Monti,
Via della Luce, 46 – 00153 Roma

Destinando

il tuo 5×1000 all’Associazione Amici di Padre Monti
CF: 97201590581

Agevolazioni fiscali
  • detrazione dall’imposta del 26 per cento della spesa sostenuta

RP8-13 Codice “61” per le erogazioni liberali in denaro per un importo non superiore a 30.000 euro annui a favore delle organizzazioni non lucrative di utilita’ sociale (ONLUS), delle iniziative umanitarie, religiose o laiche, gestite da fondazioni, associazioni, comitati ed enti individuati con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, nei Paesi non appartenenti all’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

  • detrazione dall’imposta del 30 per cento della spesa sostenuta

RP 8-13 Codice “71” per le erogazioni liberali in denaro o in natura a favore delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) e delle associazioni di promozione sociale iscritte nel registro nazionale, per un importo complessivo in ciascun periodo d’imposta non superiore a 30.000 euro.

  • deduzione dal reddito complessivo netto nel limite del 10 per cento del reddito complessivo

Rigo RP36 per le erogazioni liberali in denaro o in natura in favore delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS), delle organizzazioni di volontariato e delle associazioni di promozione sociale sono deducibili dal reddito complessivo netto del soggetto erogatore nel limite del 10 per cento del reddito complessivo dichiarato

NB: I tre metodi sono alternativi tra loro

Le imprese possono dedurre dal reddito d’impresa, scegliendo tra due possibilità:

  • le erogazioni liberali in denaro e in natura nel limite 10% del reddito complessivo dichiarato e comunque nella misura massima di 70.000 euro annui (art. 14, comma 1, D.L. 35/05 e successive modificazioni Legge n. 80 del 14/05/2005);
  • le erogazioni liberali in denaro al 2% del reddito d’impresa dichiarato o per un importo massimo di 30.000 euro (art. 100, comma 2, lettera h, D.P.R. 917/1986 come modificato da art. 1, comma 137, lettera b, Legge 23/12/2014, n. 190).

Le erogazioni devono essere effettuate con versamento postale o bancario, o con carte di debito, carte di credito, carte prepagate, assegni bancari e circolari.

Per le erogazioni liberali effettuate tramite carta di credito è sufficiente la tenuta e l’esibizione, in caso di eventuale richiesta dell’amministrazione finanziaria, dell’estratto conto della società che gestisce la carta.

Per ulteriori informazioni segui il link: