Per ultimo raccomandiamo a tutti siano semplici Fratelli o Superiori l’esatta osservanza delle nostre Regole ché solo in questo modo potremo meritarsi che Dio e Maria SS. Imm.ta appaghino i Nostri desiderii concedendo il compimento di esse.
L’adempimento dei propri doveri sia in ciascuno esatto e coscienzioso a norma dei propri uffici ed incombenze, e Noi siamo certi e sicuri che tale sarà ognuno di voi se si proporrà a modello di operare l’esempio del nostro sempre caro Fr. Bonifacio il quale nell’adempimento dei suoi doveri non fu meno mirabile da Suddito che da Superiore.
(Vol. 4, n 45. Roma 7 aprile 1898)