Questa sera stessa incomincieremo un triduo alla nostra cara Madre Maria SS. Bambina, ed il simile fate voi altri costì; ché ho fede della grazia, sia che presto guarisca il nostro caro Albuzietto, e che venga allontanato il maligno morbo da codesta nostra famiglia, e dai cari figli orfanelli, e se è possibile ancora dalla stessa Borgata. Perciò raccomando a tutti i nostri Figli Orfanelli che siano buoni e preghino con fervore per aver tale grazia dalla nostra cara Madre, che certamente farà.
Preghino e preghino di cuore che oltre l’esser liberi dal morbo corporale che toglie la vita al corpo, si otterrà d’esser liberi dal morbo pestifero (dal peccato) spirituale il quale toglie la vita spirituale dando la morte eterna all’anima.
(Vol. 3., n. 97. Roma 20 gennaio 1896 (’97)