La Comunità di Siracusa ha intrapreso un cammino di riflessione per poter programmare le proprie iniziative e vivere alcuni momenti di formazione permanente.

Lo ha fatto con l’aiuto di fratel Rolando Sebastiani, della comunità di Saronno, il quale ha trascorso a Siracusa  qualche settimana condividendo il quotidiano con i Fratelli, con i collaboratori e i ragazzi ospiti.

Dalla condivisione quotidiana, fratel Rolando ha colto numerosi spunti di riflessione che ha trasformato in input formativi da riproporre al responsabile, fratel Antonio Angioni, ai confratelli e ai collaboratori.

Il 28 novembre, fratel Stefano ha partecipato alla riunione in cui è stata fatta una sintesi di questo percorso: fratel Antonio ha ringraziato fratel Rolando per il tempo che ha dedicato a tutti; fratel Stefano, a nome del Consiglio provinciale ha espresso la volontà della Provincia Italiana di volere puntare su un nuovo slancio della comunità di Siracusa, e che per fare ciò è fondamentale l’impegno e la partecipazione dei collaboratori impegnati nella attività educativa; fratel Rolando ha messo in evidenza come le singole potenzialità debbano riprendere un percorso di equipe e debbano intensificare anche la produzione di quei documenti che attestano in maniera formale gli sforzi quotidiani che mirano al benessere del ragazzo fornendogli tutti gli strumenti necessari per poter sviluppare un proprio progetto di vita.

Un prezioso contributo è stato dato da fratel Gilbert Musampa, inserito nella Comunità di Siracusa da oltre 6 mesi, il quale, grazie anche al percorso di studi presso la Pontificia Università Salesiana, ha elaborato un estratto della mission e degli obiettivi della Comunità unitamente alle metodologie utilizzate per poter sostenere i percorsi di crescita dei ragazzi.

Gli educatori, Angelo, Francesco e Stefano hanno accolto con molto piacere l’avvio di questo percorso che continuerà con altri incontri e metodologie finalizzate al potenziamento del servizio educativo secondo le direttive regionali. E adesso … tutti al lavoro!!!

 

Fr. Stefano Caria