La diocesi di Sisak ha promosso un torneo di calcetto fra le parrocchie come iniziativa per radunare i giovani.  Il torneo si è svolto in questi giorni a Kutina e padre Mariano e rimasto sorpreso quando i giovani gli hanno chiesto se potevano dedicare il torneo a Fratel Ivan Bonifacio.
Altri tre confratelli hanno voluto essere presenti all’iniziativa: Fratel Stefano , Fratel Kruno e Fratel Antonio .

Siamo arrivati a Kutina la mattina di sabato e già fervevano i preparativi …. ancora non immaginavamo quanto quei ragazzi avessero preparato tutto nei minimi particolari .
Anima dell’evento è stato don Ivan Grbešić (autore, tra l’altro, di una tesi su Ivan Bonifacio) , responsabile della pastorale giovanile della diocesi di Sisak. 
Alle 16 ha presieduto l’Eucarestia, concelebrata dai parroci della zona, a cui hanno partecipato molti giovani delle varie squadre.
Alle 17 tutti al palazzetto dello sport di Kutina (un bel campo di gioco in parquet e circa 500 posti a sedere).
Le gradinate si sono riempite quasi totalmente. I due animatori principali, due bravissimi ragazzi di Kutina, hanno avviato la serata con scherzi e presentazioni, fino a presentare don Ivan e poi padre Mariano i quali hanno fatto – fra le altre cose – anche una bella presentazione di Pavletic. Non hanno mancato di richiamare l’attenzione di tutti sulla presenza di noi religiosi figli del Beato Luigi Monti giunti dall’Italia. Poi è iniziato il torneo ed è stato un bell’evento sportivo. Alcuni momenti di animazione e canto hanno spezzato le fatiche degli sportivi, e tutto si è concluso a tarda sera con grande soddisfazione di tutti!
La domenica a Messa il parroco ha fatto un bellissimo commento all’evento e ha chiesto ai fedeli di pregare per noi salutandoci davanti a tutti.

Che dire? I giovani ci sono: dobbiamo sapere come coinvolgerli e dare loro la possibilità di incontrare Gesù anche attraverso le nostre persone e la testimonianza concreta. Anche in questo caso abbiamo sperimentato che non è necessario fare grandi cose: un torneo di pallone ci ha permesso di conoscere tanti ragazzi …. ora sta a noi sapere come avvicinarli meglio e in maniera più diretta. 
Grazie a padre Mariano, infaticabile annunciatore, e grazie a tutti i ragazzi di Kutina che hanno organizzato l’evento.  Un grazie particolare a don Ivan per la sensibilità e l’entusiasmo che trasmette.

Fr. Stefano